le fiabe e le leggende

 

 

 

Arlecchino

 

 

Storiella Bergamasca

Lombardia

 

C’èra una volta un bambino chiamato Arlecchino, molto povero che viveva con la sua mamma in una misera casetta.

A rlecchino andava a scuola e, per Carnevale, la maestra organizzò una bella festa proponendo a tutti i bambini della scuola di vestirsi in maschera.

 

I bambini accolsero l’idea con molto entusiasmo, parlavano dei loro vestiti coloratissimi e bellissimi. Soltanto Arlecchino, solo e in disparte, non partecipava all’entusiasmo generale: zitto zitto, in un angolino, sapeva che la sua mamma era povera e non avrebbe mai potuto comprare la stoffa per cucirgli un costume per l’occasione!

 

Agli altri bimbi dispiacque vedere Arlecchino tanto triste, così ciascuno di loro decise di portare alla sua mamma un pezzetto di stoffa avanzata dai loro costumi colorati.

 

La mamma lavorò tutta la notte, cucì fra loro tutti i pezzi e ne fece un abito. Al mattino Arlecchino trovò un bellissimo vestito di tanti colori diversi.

 

Così alla festa della scuola fu proprio lui la maschera più bella e più festeggiata…e tutto questo grazie all’aiuto dei suoi compagni.

Così, la leggenda ci racconta, nacque il costume di Arlecchino.

 

Gianluca Fantauzzi

(Bergamo)

 

 

 

versione stampabile

 

 

indice leggende

 

vai al sito del Torricelli di Milano

 

salvino sagone

webmaster